Le donne fumano marijuana?

Gli effetti della cannabis raccontati dalle donne

Quasi un decennio fa, la rivista Marie Claire coniò il termine stiletto stoner per descrivere le donne che dopo una giornata di duro lavoro per rilassarsi preferiscono fumarsi una canna piuttosto che bere un bicchiere di Cabernet.

Il rapporto tra le donne e la cannabis ha radici molto antiche e, fin dal II secolo, veniva utilizzata per alleviare i dolori del parto, come rimedio contro l’emicrania o contro i dolori mestruali.
L’utilizzo di marijuana da parte del pubblico femminile non si limita però solo agli effetti di questa pianta nel trattare i dolori e i disturbi tipici del gentil sesso.

Nel 1859 l’attrice/poetessa Dora Shaw prova l’hashish insieme all’amica e scrittrice Marie Stevens Case, la quale ne descrive gli effetti sul The New York Saturday Press:

“Prometteva di essere una giornata uggiosa per noi, tutti i nostri amici erano fuori città e in giro non c’era niente che potesse interessarci. […] Suggerii di provare l’hashish. “Bene!” esclamò Dora. “Ne ho sentito parlare; dà sogni squisiti e visioni fantastiche, il reale diventa irreale, il sogno diventa realtà e ogni momento sembra un’era di estasi.” […] Dora, che è sempre di buon umore, in quell’occasione era particolarmente felice, e siamo rimaste scosse dalle risate fino a che ridere mi è sembrato il piacere più sconfinato e squisito del mondo. Qualcuno bussò alla porta. […] Questa persona sembrava mi volesse fare domande per sempre. Io rispondevo meccanicamente – stavo diventando una sfinge –, sembrava che la mia testa si espandesse fino a riempire tutta la stanza e io pensavo di essere un oracolo destinato a dare risposte per l’eternità. La risata di Dora mi ricordò che stavo rispondendo a domande immaginarie; ma la fantasia non mi abbandonava e io scongiurai la mia amica di non farmi più ridere – “Non vedi che sono fatta? E se continui a farmi ridere mi disperderò ai quattro venti!” Le mie parole non ebbero alcun effetto: lei continuò a ridere e io sentii un brivido dentro di me; seguì un suono assordante e io esplosi in mille pezzi in tutte le direzioni, finché non fui ridotta ad una polvere impalpabile e la brezza mi trasportò nello spazio. Solo la mia coscienza rimase intatta e fui pervasa da un senso di gioia e di pace perfetta.”

Nel 1869 Louisa May Alcott, l’autrice di Piccole donne, pubblicò la storia breve Perilous Play in cui un gruppo di giovani dell’alta società si deliziano con dolci all’hashish:

“Furono raggiunti da un sogno celestiale, nel quale si muovevano come se fossero in aria. Tutto era calmo e adorabile per loro: non sentivano nessun dolore, nessuna preoccupazione, non avevano paura di nulla, e finché durò l’effetto si sentivano come angeli mezzo addormentati.”

Anche l’autrice Maya Angelou ha descritto vividamente la sua esperienza con la cannabis nel libro Unitevi nel mio nome del 1946:

“Il cibo era il migliore che io avessi mai mangiato, ogni boccone era un’esperienza di puro piacere. Mi persi in una nebbia di piacere sensuale, godevo non solo per i sapori ma anche per la sensazione di avere del cibo nella mia bocca, per gli odori, per i suoni delle mie fauci masticare. Decisi di ballare per le mie ospiti. La musica penetrò e ondeggiò, tirando e spingendo, e io lasciai il mio corpo appoggiarsi al suono, girarsi e inchinarsi nella piccola stanza. Le forme e i contorni si sciolsero fino a quando mi parve di essere in uno schizzo a carboncino o in un acquerello color seppia.”

Mentre in Italia e in Europa la cannabis ad alto contenuto di THC rimane illegale, in America, Canada e altri paesi del mondo la marijuana sta compiendo un percorso di normalizzazione, anche tra il pubblico femminile. Sempre di più le donne consumano marijuana e si affacciano al mercato sia come consumatrici che come produttrici di prodotti a base di cannabis.

D’altra parte anche la pianta di marijuana che fa i fiori da fumare è femmina.

Offerte e novità!

Per essere sempre aggiornato sugli articoli, le offerte e i prodotti Easyjoint iscriviti alla Newsletter!

Cannabis light, 30 maggio 2019: la sentenza della Cassazione

Cannabis light, 30 maggio 2019: la sentenza della Cassazione

La risposta della Corte Suprema di CassazioneScarica qui la sentenza della Corte Suprema di Cassazione Nel video il commento di Luca Marola, fondatore di Easyjoint, all'indomani della confusa sentenza della Cassazione.Riportiamo di seguito il testo divulgato dalla...

articoli e news

Leggi tutti gli articoli del blog di Easyjoint