Cannabis Light, la Cassazione opta per l’ambiguità

Riccardo De Vito, Presidente di Magistratura Democratica, commenta la sentenza della Cassazione sulla cannabis light per la rubrica di Fuoriluogo su il manifesto del 31 luglio 2019.

L’articolo originale è uscito sul quotidiano il manifesto del 31 luglio 2019 ed è disponibile sul sito www.fuoriluogo.it

La decisione delle Sezioni Unite sulla cosiddetta cannabis light (Cass. Pen. 2019/30475) sfugge in parte al suo compito nomofilattico, ossia a quel dovere di fare chiarezza nelle idee del diritto e nelle cose del mondo. Le severe certezze che emergono dalle motivazioni, depositate lo scorso 10 luglio, sono accompagnate da nodi problematici che spetterà al giudice (o al legislatore) sciogliere.

La legge 242/2016 ha previsto che le coltivazioni di alcune varietà di canapa, derivanti da sementi con principio psicoattivo (THC) inferiore allo 0,2% e destinate a finalità produttive tassative, “non rientrano nell’ambito di applicazione del testo unico in materia di disciplina degli stupefacenti” e che tali colture sono legali se si accerta un tasso di THC compreso tra 0,2% e lo 0,6%. Nulla è detto sulla commercializzazione dei derivati (infiorescenze e resine, la cd. cannabis light) di quelle “piante lecite” e, di conseguenza, è nato il problema della legalità della loro vendita nei cannabis shop.

Sulla questione la magistratura si è divisa. Un orientamento, autorevolmente patrocinato dalla sesta sezione penale della Cassazione, ha ritenuto che, in assenza di divieti espressi, dalla liceità della coltivazione di piante con tasso di THC inferiore a 0,6% possa farsi scaturire, come corollario logico-giuridico, la liceità della vendita (e dell’uso) dei derivati: legali e non stupefacenti le piante, legali e non stupefacenti tutti i derivati.

La sentenza delle Sezioni Unite, viceversa, ha scelto di conformarsi all’orientamento restrittivo e ha precisato che la legge 242 rende lecita soltanto la coltivazione delle piante con THC inferiore a 0,6% indirizzata  a usi agroindustriali tassativamente elencati. La commercializzazione dei derivati della cannabis – che per il testo unico rimane pianta stupefacente indipendentemente dalla varietà e dal tasso di THC – integra gli estremi dello spaccio, salvo che tali derivati “siano, in concreto, privi di ogni efficacia drogante o psicotropa, secondo il principio di offensività”.

Non vi è dubbio che la sentenza metta a nudo le ipocrisie di una legge che, nel promuovere la filiera agroindustriale della canapa con contenuti di THC irrilevanti, ha colpevolmente omesso di disciplinare le conseguenze della vendita dei derivati. Tuttavia, nelle maglie di un ragionamento giuridico rigoroso, si percepisce anche una certa coloritura ideologica. La scelta di ritenere criminalizzata la vendita dei derivati con tasso di THC inferiore allo 0,6%, salvo che siano privi di “concreta efficacia drogante”, non permette di uscire dalle secche di un paradosso che dovrà essere sciolto di volta in volta al banco del giudice: vietato sequestrare le piante lecite, ma possibile sequestrare i derivati e perquisire e arrestare chi  li vende. I recenti sequestri di Parma stanno lì a dimostrare che occorrerà attendere un processo per capire cosa è lecito e cosa no. Tutto dipende da come la magistratura interpreterà il concetto di offensività, che comunque non pare possa risolversi nella totale assenza di THC (in tale evenienza, infatti, non di reato inoffensivo si dovrebbe parlare, ma di  non-reato).

Sfuma, dunque, la possibilità di fare ordine nella materia e di raggiungere, come aveva scritto la sesta sezione, quel ragionevole equilibrio – la fissazione del limite di 0,6% di THC per la cannabis light, supportato peraltro da evidenze scientifiche ormai inoppugnabili sulla assenza di effetti psicotropi – fra esigenze precauzionali relative alla tutela della salute e dell’ordine pubblico e le conseguenze della commercializzazione dei prodotti delle coltivazioni lecite. Sarà il giudice, di volta in volta, a stabilire cosa possa essere lecitamente venduto in quei posti che, comunque la si pensi, avevano sottratto alla criminalità organizzata e allo spaccio di strada una fetta di mercato.

Offerte e novità!

Per essere sempre aggiornato sugli articoli, le offerte e i prodotti Easyjoint iscriviti alla Newsletter!

CBD e sport, pronti via!

CBD e sport, pronti via!

Dal 17 al 25 agosto utilizza il codice SUNBURN per ottenere uno sconto del 30% sugli estratti di CBD al 5%, 10% o 33% Prova il CBD dopo allenamento. Foto by UnsplashLa marijuana non è solo per i pomeriggi lenti fatti apposta per poltrire sul divano. Il CBD, il...

Tu, il Sole e il CBD: il triangolo che non avevi considerato.

Tu, il Sole e il CBD: il triangolo che non avevi considerato.

Dal 17 al 25 agosto utilizza il codice SUNBURN per ottenere uno sconto del 30% sugli estratti di CBD al 5%, 10% o 33% Prova il CBD per lenire le scottature del Sole. Foto by UnsplashD’estate il Sole è un pretendente ardito: davanti a lui sentiamo il desiderio di...

I cannabinoidi nel sistema delle meraviglie

I cannabinoidi nel sistema delle meraviglie

Cosa succede quando il CBD entra nel nostro corpo e nel sistema endocannabinoide. La lista dei benefici che la cannabis può avere sul nostro corpo è talmente lunga da sembrare troppo bella per essere vera. Il motivo per cui la cannabis presenta così tanti e così vari...

articoli e news

Leggi tutti gli articoli del blog di Easyjoint